Bocciofila Albese | Gara internazionale del tartufo
535
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-535,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 

Gara internazionale del tartufo

locandina GARA INTERNAZIONALE DEL TARTUFO BIANCO D'ALBA - MEMORI

Edizione 2019

targa con lamina d'argento offerta da Enzo e Patrizia Granaglia

Edizione 2018

Il 6-7 ottobre presso la Bocciofila Albese si è svolta la 32a edizione della “Gara Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba – 8° Memorial Umberto Granaglia”, gara internazionale a quadrette alla quale quest’anno hanno partecipato ben 115 formazioni, di cui 7 straniere provenienti da Francia, Lussemburgo, Svizzera, Montecarlo e Russia. L’Italia era ben rappresentata con 70 società che hanno iscritto i loro atleti.

La 3a edizione del “Tartufo Junior” ha visto scendere in campo 16 formazioni delle categorie U12 e U15, che hanno gareggiato col sistema poule.

Novità di quest’anno la 1a edizione del “Tartufo Rosa”. Le 16 formazioni iscritte anche queste per la poule, contavano la presenza di atlete di livello internazionale. Il successo di questa 1a edizione ha spinto il Direttivo della Bocciofila ad ampliare a 32 il numero delle formazioni partecipanti per il prossimo anno.

Le tre partite di finale si sono giocate tutte in contemporanea sul campo esterno principale dell bocciodromo di Corso Nino Bixio, con trasmissione in diretta streaming su internet (quasi 2000 contatti accertati). Si sono imposti fra gli junior la coppia di Arnasco Bocce composta da Alessandro Curto e Iaboni Cristian per 13-0 sulla Beinettese di Alex Barrero e Francesco Costa; nel torneo femminile la coppia della Forti e Sani Fossano composta da Liliana Cavaglià e Barbara Gerbaudo per 13-1 sulla Centallese di Paola Torasso e Maria Romano; il torneo internazionale ha visto prevalere la quadretta targata La Perosina composta da Francesco Feruglio, Simone Mana, Luca Melignano e Carlo Pastre che hanno avuto ragione per 13-7 solo a tempo scaduto sul Team Nutella Lussemburgo di Carlo Bresciano, Gregory Chirat, Mauro Bunino e Silvano Cibrario.

Memorial Umberto Granaglia

Oltre al trofeo “Coppa Citta’ di Alba” e ai premi offerti dagli sponsor, ad ognuno dei componenti la quadretta vincitrice, Enzo e Patrizia Granaglia, figli del grande Umberto, in occasione del 10° anniversario della scomparsa del padre, hanno consegnato una targa contenente una lamina d’argento prodotta in tiratura limitata con l’effigie del “campione” certificata con firma autografa di Umberto Granaglia.

In questo contesto il Direttivo della Bocciofila Albese ha voluto attribuire un attestato di stima ad Enzo Granaglia consegnandogli una targa per la nomina a Socio Onorario della Bocciofila e una delle nuove maglie della Società.

Durante la manifestazione è stata giocata una partita di esibizione dal Gruppo CD ASL di Alba, portatori di handycapp mentale, premiati assieme alle loro assistenti con una medaglia ricordo.

Le tre partite di finale si sono giocate tutte in contemporanea sul campo esterno principale dell bocciodromo di Corso Nino Bixio, con trasmissione in diretta streaming su internet (quasi 2000 contatti accertati). Si sono imposti fra gli junior la coppia di Arnasco Bocce composta da Alessandro Curto e Iaboni Cristian per 13-0 sulla Beinettese di Alex Barrero e Francesco Costa; nel torneo femminile la coppia della Forti e Sani Fossano composta da Liliana Cavaglià e Barbara Gerbaudo per 13-1 sulla Centallese di Paola Torasso e Maria Romano; il torneo internazionale ha visto prevalere la quadretta targata La Perosina composta da Francesco Feruglio, Simone Mana, Luca Melignano e Carlo Pastre che hanno avuto ragione per 13-7 solo a tempo scaduto sul Team Nutella Lussemburgo di Carlo Bresciano, Gregory Chirat, Mauro Bunino e Silvano Cibrario.

Vincitori edizione 2018: “La Perosina” – Francesco Feruglio, Simone Mana, Luca Melignano e Carlo Pastre